/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | 19 febbraio 2019, 18:52

Passa a Mongrando la mozione per l'acqua gratis. Filoni: “Da ora si comincia a trattare”

acqua filoni mongrando

Approvata all'unanimità dal consiglio comunale la mozione finalizzata al riconoscimento di 50 litri giornalieri di acqua gratuita per le utenze domestiche di Mongrando. La decisione è maturata ieri sera al termine del confronto tra l'amministrazione comunale e la minoranza, avvenuto nella sala delle adunanze del comune di Mongrando. Tutti concordi e uniti su una scelta a dir poco storica per la comunità del paese.

Non nasconde la soddisfazione il primo cittadino Antonio Filoni: “L'avevamo annunciato due anni fa e ribadito il dicembre scorso all'incontro pubblico sulla diga del torrente Ingagna. Da questo momento inizia una trattativa con la società che gestisce l'acquedotto di Mongrando (Servizio Idrico Integrato del Biellese e del Vercellese ndr), che continuerà indipendentemente dal colore politico della prossima amministrazione comunale. Sindaco e giunta compiranno tutti gli atti necessari affinché vengano modificati i regolamenti e i contratti stipulati con l'attuale gestore del servizio di acquedotto per quanto riguarda la tariffa di pagamento”.

Ad oggi, sono 1725 le utenze totali del paese: in particolare, 1631 sono domestiche a cui si vogliono destinare circa 18mila litri ogni anno. “Il contratto scadrà nel 2022: nelle sedi opportune faremo valere le nostre ragioni – analizza Filoni – Oltre ad essere un aiuto alle famiglie in difficoltà che faticano a pagare le bollette, questa mozione guarda ai cittadini. Consideriamo l'acqua un bene comune e una risorsa da utilizzare secondo criteri di solidarietà e principi di efficienza, efficacia ed economicità. Il rispetto di tali criteri e principi è finalizzato a garantire un ambiente sostenibile e un servizio idrico di qualità per tutti, privo di rilevanza economica”.

g. c.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore