Elezioni Comune di Biella

 / ECONOMIA

Che tempo fa

Cerca nel web

ECONOMIA | 15 febbraio 2019, 10:49

Mercato Libero: Cos’è e come funziona

Mercato Libero: Cos’è e come funziona

Per quanto riguarda la fornitura di energia elettrica in Italia è presente un mercato di libera concorrenza sin dal 2007. Il mercato libero è appunto questo, la possibilità di ogni gestore per la fornitura di energia elettrica di proporre tariffe e servizi ad ogni singolo cittadino italiano, che liberamente può decidere a quale offerta aderire. Sino ad oggi solo un numero contenuto di italiani è passato però alle tariffe del libero mercato.

Il servizio di maggior tutela
Per garantire un passaggio graduale dal servizio tutelato dallo Stato alla gestione liberalizzata in Italia è stato attivato il cosiddetto Servizio di Maggior Tutela. Si tratta di un’offerta, gestita dai diversi fornitori di energia elettrica e gas, a costi stabiliti dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente. Questa autorità stabilisce il costo della componente energia per tutti i clienti che non sono ancora passati al mercato libero, che quindi godono di tariffe unificate in tutta Italia. In effetti l’Autorità però si occupa anche di stabilire il costo dei vari oneri, diversi dalla componente energia, che ci troviamo in bolletta.

Perché scegliere il mercato libero
Il graduale passaggio dal mercato tutelato a quello libero è durato quindi ben più di 10 anni, a questo punto siamo pronti per fare un ulteriore passo avanti verso la liberalizzazione. Nei prossimi mesi infatti il Servizio di Maggior Tutela scomparirà completamente; per questo motivo è arrivato il momento di scegliere tra le tariffe del mercato libero offerte dai vari fornitori oggi presenti sul territorio italiano. Visto che questo passo va fatto, conviene farlo ora, in modo da avere tutto il tempo necessario per verificare le diverse offerte disponibili, i servizi aggiuntivi proposti dai vari fornitori, le opportunità che si possono trovare in ogni parte d’Italia.

Cosa accadrà dopo il servizio tutelato
La questione è semplice, se il servizio di maggior tutela non è più disponibile, chi oggi gode di questo tipo di offerta si troverà dover cambiare contratto. Molte compagnie che gestiscono la fornitura di energia elettrica oggi propongono interessanti offerte ai nuovi clienti, ossia a coloro che passano dal servizio tutelato a quello a libero mercato, anche restando con la medesima compagnia di gestione attuale. Ovviamente se non si fa nulla non si rischia di rimanere senza alcun tipo di contratto, con buona probabilità il gestore odierno ci attiverà un contratto generico, senza possibilità di scelta. Per approfittare di tutte le offerte disponibili conviene farlo per tempo, scegliendo sin da oggi un nuovo gestore, o un nuovo contratto con il gestore attuale.

Come si cambia gestore
Per modificare il contratto di fornitura di energia elettrica in pratica non si deve fare altro che contattare il nuovo gestore. Per tutte le questioni burocratiche non ci dovremo preoccupare in alcun modo, perché sarà il nuovo gestore a occuparsi di tutto. È infatti sufficiente indicargli il numero del punto fornitura, disponibile in una qualsiasi bolletta, per modificare il nostro contratto approfittando delle interessanti offerte oggi disponibili.

Per maggiori informazioni e risposte alle più comuni domande che riguardano il Mercato Libero leggi l’articolo su Iren.

I.P.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore