Elezioni Comune di Biella

 / POLITICA

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | 12 febbraio 2019, 10:59

Biella, Moscarola attacca la giunta sul regolamento della polizia municipale

Il consigliere chiede di aggiornare il codice: "La giunta si era impegnata, perché questo ritardo?"

Giacomo Moscarola

Giacomo Moscarola di Lega Nord/Salvini

"Nel 2016 il consiglio comunale di Biella votò all’unanimità una mozione presentata dal sottoscritto con la quale si impegnavano il sindaco e la Giunta a predisporre il nuovo regolamento di polizia urbana dato che quello vigente è datato anni ’30 ed è firmato dal podestà - si legge in un'interrogazione del consigliere di minoranza, Giacomo Moscarola, della Lega -. Si rilevano evidenti criticità in quanto un regolamento anacronistico non prevede la gestione di situazioni che non esistevano negli anni ’30 e che oggi sono all’ordine del giorno, come altresì sono presenti norme attuali in quell’epoca che non hanno più senso di esistere ai giorni nostri. Ad esempio: All’articolo 10 si vieta di “pigiare uva nelle vie e nelle piazze”, “di procedere nelle vie e nelle piazze alla somministrazione di foraggio per gli animali e alla ferratura dei medesimi”. Art. 15 si vieta “senza speciale permesso del podestà’, ai girovaghi di fermarsi con le carovane nel territorio comunale”. Art. 68 si vieta “ stendere o sciorinare oggetti di biancheria e vestiario per l’asciugamento o la pulitura”, si vieta inoltre di “lasciare vagare per le vie della città gallinacei e conigli”. Si ricorda inoltre ai macellai che (art. 81) non possono “ percorrere le vie con le vesti intrise di sangue”.  Si ricorda che (art. 84)gli animali non possono essere “ punti da pungolo di ferro”.

Il consigliere leghista aggiunge: "Oltre a ciò l’assenza di un regolamento aggiornato “spunta” i poteri concessi dalla legge Minniti alle forze dell’ordine, in particolare per quanto concerne il Daspo urbano. Agli articoli 9 e 10 della legge 48/2017 (Legge Minniti) si specifica che il Daspo urbano è applicabile previa individuazione nei regolamenti comunali di apposite aree ove poter applicare la legge. Senza queste modifiche regolamentari risulta pertanto impossibile per le forze dell’ordine applicare questo strumento che la legga consente".

Quindi l'affondo: "Per per quale motivo il nuovo regolamento non sia ancora stato pubblicato. In modo particolare si chiede se il regolamento non sia ancora stato aggiornato per un ritardo degli uffici o per precisa volontà politica. Il regolamento sarà pubblicato prima della fine della legislatura?". L'argomento sarà quindi oggetti di discussione a Palazzo Oropa, durante il prossimo consiglio comunale.

p.l.b.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore