/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | 11 febbraio 2019, 07:00

Buone notizie a Cossato dal bilancio 2019: Debito ridotto, investimenti, tasse invariate e novità sui rifiuti

cossato bilancio

Nei giorni scorsi, è stato presentato dal sindaco Claudio Corradino e dall’assessore al bilancio Carlo Furno Marchese il bilancio di previsione del comune di Cossato, che pareggia per quest’anno a 17,7 milioni circa di euro. Numeri e cifre ben auguranti, commentati con soddisfazione dal primo cittadino: “Sono stati anni difficili ma nonostante questo abbiamo trovato le risorse da distribuire agli assessorati, effettuato le manutenzioni e portato avanti le opere pubbliche. In dieci anni, abbiamo ridotto l’indebitamento del comune: da circa 20 siamo passati a 7,9 milioni di debiti e non abbiamo emesso nuovi mutui. Inoltre, c’è stato un significativo cambiamento riguardo il debito pro capite dei cittadini: se nel 2009 si raggiungevano i 1000 euro per abitante (che erano molti più ndr), dieci anni dopo la cifra si assesta a 547 euro per abitante. Ringrazio la squadra di assessori, tutto il personale e la bravura dell’assessore Marchese”.

Saranno 3,3 i milioni previsti per le opere pubbliche: 195mila euro per il miglioramento dell’efficienza energetica dell’istituto del Parlamento, 345mila per il rifacimento dei serramenti della scuola media Da Vinci, 1,6 milioni circa per la riqualificazione energetica del plesso scolastico della Masseria, 350mila per la viabilità (opere di asfaltature e manutenzione delle strade), 350mila per completare i lavori di ristrutturazione di Villa Ranzoni, 200mila per la sistemazione idraulica del torrente Strona e del rio Clarolo e 250mila per lavori da compiere all’interno della scuola Centro. “In questi anni, abbiamo sempre dato la priorità alla sicurezza degli edifici scolastici – spiega l’assessore Furno Marchese – Durante il periodo estivo, alla scuola Centro, avranno inizio la manutenzione e la tinteggiatura delle aule e dei corridoi. Mi spiace che l’intervento non sia avvenuto prima ma erano in programma diversi lavori in altri edifici scolastici”.

I servizi comunali a domanda individuale (scuolabus, centri estivi, mensa ecc.) costano all’incirca 1,1 milioni di euro, di cui 745mila euro coperti dal comune mentre a carico dei cittadini resta un terzo della spesa. Inoltre, restano invariate le aliquote Imu, Tasi e Irpef. Infine, buone notizie anche dalla raccolta differenziata che ha raggiunto l’82 per cento. “Nelle prossime settimane si saranno alcune novità – annuncia l’assessore Furno Marchese – Con la bolletta di questo mese saranno presenti anche dei coupon per ritirare negli uffici comunali due rotoli per la plastica e tre per l’organico. Ci siamo accorti che diversi utenti utilizzavano questi sacchetti in maniera impropria. Questa soluzione punta ad abbassare i costi e a evitare ulteriori sprechi”.

g. c.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore