/ Enogastronomia

Che tempo fa

Cerca nel web

Enogastronomia | 09 febbraio 2019, 08:27

Ricetta: "Serata in nero"

Ricetta: "Serata in nero"

Questa settimana un piatto di sicuro effetto, buono e delicato.

Ricetta per 4 persone:

280 g. di linguine

16 g. di nero di seppia. 

150 gr di nasello o di orata compresa di testa e lische per il fumetto.

1/2 limone

1 piccola foglia di alloro

Olio, sale, pepe q.b.

Preciso una cosa: non fatevi nessun problema per il nero di seppia poiché lo vendono, in bustine, già pronto. 

Vi dico questo perché sicuramente qualcuno di voi sarà già preoccupato!

È venduto in confezioni da 2 bustine di 8 gr totali. 

Compratene 2 confezioni ovvero 4 bustine per un totale di 16 grammi.

Prepariamo il nostro fumetto di pesce: in una pentola mettete un litro di acqua, una testa di pesce, una lisca, una sogliola, un pezzo di nasello o orata, uno spicchio di aglio, una cipolla piccola, una costa di sedano, un pizzico di sale grosso.

Lasciamo cuocere per un'oretta.

Poi, aiutandoci con uno scolino,  filtriamo il nostro brodo rendendolo pulito.

Rimettiamo sul fuoco la pentola con il brodo filtrato affinché riprenda il bollore.

Aggiungiamo le nostre linguine e lasciamole ammorbidire.

Versiamo, in un'altra pentola bassa e larga, tre cucchiai di olio, uno spicchio di aglio in camicia e facciamo rosolare per un paio di minuti, senza bruciare l'aglio.

Aggiungiamo una foglia piccola di alloro e travasiamoci le nostre linguine scolate per portarle a cottura.

Facciamo saltare la nostra pasta per qualche minuto, aggiungiamo un mestolo di fumetto, il succo di mezzo limone e la prima bustina del nero di seppia e lasciamo cuocere per qualche minuto.

La pasta deve rimanere al dente!

Versiamo ancora un'altra bustina di nero di seppia e aggiungiamo ancora del fumetto. 

Aggiungiamo le ultime due bustine di nero di seppia e mantechiamo dolcemente.

Servite calde con una spolverata di pepe nero.

 

Giancarlo Lazzarini
Puoi seguire le mie ricette su Facebook al gruppo: https://www.facebook.com/groups/164900243916670/

Giancarlo Lazzarini

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore