/ CRONACA

CRONACA | 06 febbraio 2019, 09:43

Anni di persecuzione, poi l'aggressione con il fuoco

Simona Rocca resta in prognosi riservata al CTO di Torino, Sabato Flash Mob di solidarietà

Anni di persecuzione, poi l'aggressione con il fuoco

E' mantenuta in coma farmacologico e le sue condizioni restato gravi ma stazionarie. Simona Rocca, la quarantenne aggredita brutalmente lunedì mattina nel parcheggio dell'area commerciale vicina all'Ovs, è ancora in prognosi riservata al Cto di Torino.

Ha ustioni sul 45% del corpo e, nella giornata di oggi, mercoledì, dovrebbe essere sottoposta a un primo intervento chirurgico.

Resta invece in carcere il suo aggressore, l'ex guardia giurata Mario D'Uonno che, da anni, perseguitava la donna in modo ossessivo e minaccioso. Al magistrato D'Uonno ha detto di aver perso la testa e di aver provocato in modo involontario l'incendio: in giornata è attesa l'udienza di convalida dell'arresto con l'accusa di tentato omicidio mentre lunedì si aprirà il processo per stalking, nato dalle denunce che Simona Rocca aveva sporto contro l'ex guardia giurata.

Nel corso degli ultimi due anni, infatti, c'erano stati messaggi minacciosi sul telefono e via social, attraverso profili fasulli, talvolta c'erano state immagini di fiamme e testi molto espliciti del tipo "Ti manderò  all'inferno senza pietà". E poi c'erano continui tentativi di avvicinare la vittima, pedinamenti e presenze assillanti nei luoghi frequentati da Simona Rocca. Una situazione insostenibile per la donna che aveva sporto denuncia e che attendeva l'avvio del processo contro il suo persecutore.

In città, intanto, non si fermano le iniziative di solidarietà nei confronti della vittima e di promozione della cultura del rispetto, soprattutto nei confronti delle donne, troppo spesso vittime di soprusi e violenze.

Dopo la fiaccolata, gli interventi di Asl, sindacati, partiti politici e degli studenti della scuola Lanino (che Simona Rocca aveva frequentato), sabato Stefania Crittino e Rossella Zeppi, insieme a tutto il direttivo provinciale di Fratelli d'Italia, hanno organizzato un Flash Mob in sostegno di Simona Rocca e di tutte le donne vittime di violenza.
L'incontro è previsto alle 18 in piazza Cavour a Vercelli.
"Sarà una manifestazione trasversale per coinvolgere tutti i colori politici e, soprattutto, per dare un messaggio di speranza a chi subisce questo reato vivendo un'esistenza grigia e buia: è ora di fermare la violenza!", spiegano le organizzatrici.

Dal nostro corrispondente di Vercelli

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore