Elezioni Comune di Biella

 / Cronaca dal Nord Ovest

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca dal Nord Ovest | 31 gennaio 2019, 18:37

Colpo da 10mila euro nel capannone di un'impresa edile - Cronaca dal Nord Ovest

Colpo da 10mila euro nel capannone di un'impresa edile - Cronaca dal Nord Ovest

Avevano messo a segno un colpo da 10mila euro M.B., 42enne residente in Crova e P.V., 47 residente in Borgosesia, entrambi gravati da vicende penali per reati contro la persona e il patrimonio, e denunciati dai carabinieri della Stazione di Borgosesia con l'accusa di furto aggravato in concorso. Secondo quanto ricostruito dalle forze dell'ordine, nella notte del 13 gennaio, i due complici, dopo aver rotto la serratura del cancello e del portone, si erano introdotti nel capannone di un’impresa edile di Quarona alla ricerca di materiale e attrezzatura da rubare. Nel locale, i malfattori hanno trovato una grande quantità di attrezzi da lavoro, parte della quale è stata immediatamente valutata di interesse.

A questo punto, i due, dopo aver preso in un cassetto dell’ufficio le chiavi del furgone del titolare dell’impresa, hanno caricato il materiale sul veicolo in sosta nel cortile e si sono dati alla fuga. Le indagini dei carabinieri di Borgosesia sono iniziate al mattino, quando il proprietario si è accorto del furto. Immediatamente è stato eseguito un accurato sopralluogo tecnico della scena del crimine, che ha consentito di raccogliere i primi elementi e, nel corso del pomeriggio, è stato eseguito un secondo sopralluogo, in questo caso sul furgone rubato, che era stato nel frattempo rinvenuto abbandonato in una zona campestre del comune di Lignana dai militari di Desana.Gli elementi raccolti dai carabinieri hanno consentito di avanzare i primi sospetti sugli autori del furto, che si sono rivelati concreti anche grazie alla minuziosa analisi del sistema di videosorveglianza comunale, che ha restituito altri elementi pienamente compatibili con l’ipotesi formulata. 

Il percorso investigativo dei militari di Borgosesia si è rivelato esatto all’atto delle perquisizioni domiciliari, eseguite il 25 gennaio nelle abitazioni dei denunciati, ove i carabinieri hanno potuto recuperare la refurtiva, per un valore di circa 10.000 euro che, previo riconoscimento, è stata riconsegnata all’avente diritto, consentendogli di riprendere a pieno regime la propria attività. I due complici, infine, sono stati denunciati per concorso in furto aggravato.

Dal nostro corrispondente di Vercelli

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore