Elezioni Comune di Biella

 / CRONACA

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | 24 gennaio 2019, 09:12

Controlli antidroga stamattina sui bus e all'entrata dell'Istituto Tecnico di via Rosselli FOTOGALLERY

Azione deterrente della polizia di stato in collaborazione con la municipale di Biella poco dopo le 7 davanti ad una delle principali scuole biellesi, a contrasto dell'aumento dello stupefacente tra i giovani.

Controlli antidroga stamattina sui bus e all'entrata dell'Istituto Tecnico di via Rosselli  FOTOGALLERY

Tre linee di bus con sopra gli studenti sono stati controllati questa mattina alle 7,30 dalla polizia di stato in collaborazione con la municipale. Anche un'unità cinofila della polizia locale presente al blitz. Precisiamo subito: più che una vera operazione si è trattato di un'azione deterrente contro lo spaccio delle sostanze stupefacenti. I poliziotti in uniforme e in borghese dell'antidroga e squadra volante hanno atteso gli arrivi dei bus con sopra gli studenti e una volta fermati sono saliti "capeggiati" da Fox l'unità cinofila della polizia locale di Alessandria, oggi in sostegno a Biella. Davanti all'entrata dell'istituto di via Rosselli sono transitati i ragazzi pronti per la loro giornata di scuola. Qualche "cartina" per fabbricare sigarette è stata trovata all'interno dei mezzi di spostamento ma niente più.

Su ordine del questore Parisi la polizia sta intensificando i controlli in tutti i plessi scolastici a conferma dell'aumento della droga tra i più giovani. Nei giorni passati le denunce per spaccio e i segnalati in prefettura come assuntori sono infatti minorenni o appena 18enni. "L'età dei ragazzi coinvolti e le segnalazioni giunte in prefettura -commenta il commissario capo della squadra volante Giovanni Buda-, sono la cartina tornasole che le scuole sono ad oggi un punto sensibile da monitorare. Questa è un’attività che coincide con le direttive nazionali, con il pensiero del questore e che inizia dall'uso personale per arrivare alla denuncia per spaccio".

Ora come ha precisato più volte il questore di Biella Nicola Alfredo Parisi, il segnale dell'aumento di droga nelle scuole è tangibile. Per questo motivo viene alzato il livello di attenzione in tutti gli istituti della provincia: dal semplice controllo ai blitz. Se oggi voleva essere quest'ultima opzione le forze dell'ordine sarebbero arrivate in istituto a lezioni iniziate e non restando fuori dai muri scolastici prima dell'orario di entrata nelle classi. Il segnale però che le forze di polizia sono presenti è forte e chiaro. La lotta all'aumento del consumo e spaccio di sostanze stupefacenti continua. 

Fulvio Feraboli

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore