/ Circondario

Che tempo fa

Cerca nel web

Circondario | 14 gennaio 2019, 17:13

Vigliano, arriva la Tarip. E Fassina attacca: “Cassonetti strapieni perché senza chiusura”

Il consigliere di minoranza riporta alcune segnalazioni inoltrate dai cittadini. Intanto l’amministrazione manda in stampa “E questo… dove lo butto?”, dizionario e agenda per spiegare al meglio la raccolta differenziata

vigliano rifiuti

L’anno nuovo ha portato con sé alcune novità per il comune di Vigliano. Da gennaio, infatti, si applica la tariffa puntuale, secondo cui ciascuno è tenuto a pagare in proporzione ai rifiuti indifferenziati effettivamente prodotti. “Dopo un primo periodo di test effettuato nei mesi scorsi - spiega il sindaco Cristina Vazzoler - i viglianesi hanno acquisito l’abitudine di esporre il bidone dell’indifferenziata solo quando è effettivamente pieno”. 

La tariffazione, infatti, è commisurata al numero di svuotamenti dei bidoni stessi che la Seab ha preventivamente dotato di transponder, in modo da poter automaticamente registrare gli interventi e collegarli alle bollette. “Nel 2020 - prosegue Vazzoler - è imperativo il raggiungimento della percentuale minima del 70% della raccolta differenziata: un obiettivo di grande rilevanza strettamente connesso all’impostazione che, con la tariffa puntuale, l’Amministrazione comunale ha voluto dare al servizio”.

Ad alcuni cittadini, però, pare che questa nuova tariffa non piaccia: “Sto ricevendo numerosissime segnalazioni da parte dei viglianesi - dice il consigliere di minoranza Filippo Fassina - che si lamentano perché i cassonetti condominiali della raccolta di rifiuti indifferenziati, non essendo dotati di alcun sistema di chiusura (lucchetti o simili), sono strapieni di immondizia ‘indesiderata’”.

Intanto l’amministrazione comunale ha mandato in stampa “E questo… dove lo butto?”, il vademecum sul servizio: “Per effettuare al meglio la raccolta differenziata - spiega il primo cittadino - bisogna essere adeguatamente informati. Tutti noi ci siamo trovati a esaminare un oggetto di cui disfarci, chiedendoci dove conferirlo e, malgrado in questi anni siano cresciute conoscenza e consapevolezza, occorre proseguire e migliorare la comunicazione. Abbiamo pensato, allora, di racchiudere in un’unica pubblicazione un dizionario della differenziata ed il consueto calendario della raccolta stessa”. 

Il dizionario risponde infatti all’esigenza di poter sapere, cercando il nome dei singoli materiali, quale sia il conferimento corretto. L’agenda-calendario dice invece in quali giorni quel tipo di rifiuto sarà prelevato in base alla zona in cui si abita. La pubblicazione, la cui stampa è stata affidata alla ditta Press Up per un costo complessivo di circa 2500 euro, contiene altre numerose informazioni, dal trattamento della plastica e della carta, ad esempio, fino agli impianti di selezione al riciclo vero e proprio. E ancora, notizie, curiosità e interpretazione dei simboli e delle sigle che vediamo riprodotti sui materiali.

“Non abbiamo la pretesa di essere esaustivi - aggiunge il vicesindaco e assessore all’ambiente, Valeriano Zucconelli - perché il nostro scopo è di fornire un utile supporto, che ci renda più consapevoli nel momento in cui, quotidianamente, i nostri scarti divengono rifiuti. Il valore della pubblicazione sta proprio nel dirci dove metterli e nel ricordarci giornalmente quali saranno raccolti: perché suddividerli correttamente è il primo fondamentale passo per la salvaguardia del nostro ambiente e dovrebbe essere ormai da tempo percepito da tutti noi come un preciso dovere civico”.

Dovere che, secondo quanto afferma l’amministrazione, avrà un riscontro positivo in bolletta, visto che tutto quanto sarà correttamente differenziato non influirà sul calcolo tariffario: “quanto più la raccolta differenziata sarà mirata - conclude Zucconelli -, tanto minori saranno gli oneri per tutti noi. E il nostro territorio ringrazierà”.

Bibiana Mella

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore