/ Cossato e Cossatese

Che tempo fa

Cerca nel web

Cossato e Cossatese | 11 gennaio 2019, 07:00

Riutilizzare i beni confiscati alla mafia, 10mila euro dalla Regione per Gifflenga

I fondi verranno utilizzati per il recupero di un’area da destinare a centrale operativa della Protezione civile dell’Unione dei Comuni tra Baraggia e Bramaterra

gifflenga

Tra gli otto Comuni piemontesi assegnatari di beni immobili confiscati alla criminalità organizzata che riceveranno dalla Regione Piemonte un contributo per favorirne il riutilizzo a fini sociali c’è anche Gifflenga.

Lo scopo del bando emanato a settembre è di aiutare le comunità locali a restituire alla collettività immobili da utilizzare a fini sociali con particolare riguardo alle fasce più deboli della popolazione. Insieme a Gifflenga anche Torino, San Sebastiano da Po, Coazze, Nichelino, Cuorgnè, Gattinara e Borgomanero.  

“I 10 mila euro che verserà la Regione - spiega il sindaco Elisa Pollero - ci serviranno per risanare la zona dell’ex discarica abusiva, al fine di utilizzarla come sede della Protezione civile dell’Unione dei Comuni tra Baraggia e Bramaterra. Avevamo bisogno di un’area in cui ritirare i mezzi e tutte le attrezzature necessarie e siamo soddisfatti di aver ottenuto questo finanziamento”.

I lavori prevedono la recinzione della zona e il rifacimento delle coperture. “Era una situazione che andava avanti da tempo - conclude il primo cittadino -. Ora che le questioni legali sono state risolte potremo procedere con le operazioni di ripristino”.

bi.me.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore