/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | 25 dicembre 2018, 10:16

Alunni del "Bona" alla scoperta di Oropa

Il racconto in prima persona di un'esperienza scolastica e culturale da ricordare...

Studenti, Bona, Oropa

Alcuni degli studenti del Bona, ad Oropa

Riceviamo e pubblichiamo:

“Ciao sono Matteo”. “Ciao, Gaia”. E nella conca di Oropa nasce con magica alchimia un gruppo. Ventitré ragazzi che, pur essendosi sfiorati nei corridoi della scuola, non avevano mai avuto l'occasione di vedersi davvero. Galeotta l'opportunità di passare un soggiorno che il nostro tanto criticato ministero ci ha finanziato; complici due insegnanti disponibili a credere che valga la pena spendere del tempo oltre l'orario di lezione".

"Scesi dall'autobus l'intimità delle camere monastiche del santuario ci accoglie. Sono camere senza fronzoli eppure accoglienti, con il loro calore a contrasto della temperatura esterna. Poi via, senza indugi a calzare i pattini per sfidare il freddo, il ghiaccio e la fisica. “Mi dai un guanto? Ho le mani gelate” nasce spontanea la condivisione. “Matteo come ti dona quella maglia fuxia di due taglie piu piccola!”..che risate... La polenta filante ci sazia e trovarsi a tavola immersi nell’attesa è un’occasione perfetta per scambiare due parole e qualche occhiata d’intesa. “Facciamo un giro di nomi??” tra chi ride e chi arrossisce a pronunciare il proprio, sembra di tutti il desiderio di appartenere ad un gruppo, di crearlo e fare nostro il momento. Fuori nel mentre scende la notte e le stelle non possono che stupire con la loro luminosità riflessa nella neve cristallizzata e scintillante che ricopre l’asfalto.. “Ma è quello il carro maggiore?” “Ma cheeee.. Si chiama orsa maggiore o grande carro, però non so se sia quella” “la cintura di Orione è facile! Quelle tre stelle!”.

"Quanto è romantica questa atmosfera... Profuma di adolescenza, di viaggio, di entusiasmo. Nelle stanze ci si sente troppo soli per una così bella avventura.. “Creiamo un gruppo whatsapp!!” “Buona idea! 36687......”. Ogni suono di passi è una scusa per buttare un occhio in corridoio.. “Sahar! Amo il tuo pigiama!” ..Tante di quelle foto che il telefono si blocca, l’atmosfera frizzante di qualcosa di non abituale. Una notte calda e tranquilla, cullata dal suono del ruscello e qualche lieve voce dalla stanza a fianco. Quale risveglio migliore di un audio della prof? “Ragazzi vi aspettiamo a colazione! Velociii”: MUSICA. “ma sono stancooo” e Samu:“se non ti svegli, Teo arrivo a sculacciarti”. “Dai Desiii siamo le ultime!”. Brioches calde, cappuccini, té, torta, canzoni, finestre sul bianco e pavimenti in laminato. “Prof vorrei restare qui: la connessione non funziona”, “il cellulare non prende”. Ci si ritrova attenti, seduti, a sentir parlare di quale sia il miglior legno, si scopre che non è solo uno il miglior intreccio, ma che ne esistono un sacco. Cesti, lacci, ponti... Ci si scopre interessati, immersi nella passione per la tradizione. Grazie Paolo per averci ricordato che in un mondo sostenibile si possono intrecciare i rami per costruire cesti, come in passato, grazie per averci mostrato il tuo mantra, una parte di te e della tua vita".

"Non aspettavo altro che provare e ora, legati al polso con l'orgoglio di aver creato qualcosa, mostriamo gli uni agli altri i braccialetti in giunco, di un bel verde che sa di prato. Tappa veloce a vestirsi pesante e via. Meta: Mucrone! Quasi metà della nostra comitiva per la prima volta prova il respiro che si sospende nel "salto" dopo il pilone della funivia. É il pegno da pagare per salire al lago. Che spettacolo la prima neve dell'anno,  però come si sprofonda senza le ciaspole! “mi aiuti ad allacciarle?” “Come si fa? Non ci riesco!!” “Aiuto, cado, me ne hai pestata una!” “Scusami, giuro che non volevo”...ancora risate, “ma...dammi una mano per uscire..”, “mi fai una foto?” “Vieni anche tu!” “Nooo vengo male in foto!”. “mi è finita la bottiglietta dentro nel buco” “aspetta, la recuperiamo”... Ancora il calore, questa volta del sole, ci riscalda mentre con appetito mangiamo i nostri panini e i guanti si asciugano su un masso".

"Scoppia involontaria la gara dall’alto a chi colpisce qualcuno o tira più lontano le palle di neve. “Attenta, riesci a salire?” “Tranquillo, per chi mi hai preso?” ..e poi foto abbracciati per immortalare la giornata, la montagna è da vivere: “quanto mi sta bene la tuta da sci della mamma di Gaia”, “ci sono delle impronte sul lago ghiacciato!” “Ho i piedi bagnati! Che freddo” E poi come per ogni destinazione, arriva il momento di tornare sui propri passi e rifare la strada al contrario... Dopo lezioni di morfologia nulla di meglio di potersi cambiare per andare a cena! Stasera karaoke... Avete mai corso sul ghiaccio? Con mazze simili a manici di scopa e una pallina pesante, senza squadre, senza pattini, col solo obbiettivo di divertimento... Noi si. Chi non lo prova non può sapere come sia strano ritrovarsi a non governare l’equilibrio, reggersi alla staccionata, tenersi per mano...".

"Chi non lo prova non sa quanto abbiamo riso anche sudando o tremando, senza luci stroboscopiche, alcol e scolli vertiginosi, non aver bisogno di scrivere ciò che si sente  su uno stato perché lo si sente leggero e trasparente, scivolare e cadere sul ghiaccio: quanti lividi! Subito non li sentivo! “Ragazzi però poi anche quando sarà finita usciremo ancora insieme qualche volta, non è che poi finisce così..” “no no, non ti saluterò nemmeno, mi stai antipatico!” “Ah-ah... “ Buonanotte... Buongiorno perfezione, oggi si riparte.. Mi dispiace anche tornare, dove nessuno più ti vede, in mezzo a troppa gente. Le foto dal cellulare prima o poi le cancelleremo: non c’è mai spazio abbastanza nella memoria… Ma fortunatamente nella nostra mente si. Cancellerei tante foto pur di lasciar spazio a questi momenti. Il calore di questi attimi condivisi potrà restare nei nostri ricordi e ne sento già troppo la mancanza. Ci sarà una prossima volta? So solo che una volta finita non finirà ciò che è stato. Non finiremo noi, la confidenza di un gruppo resta".

Studenti dell'Istituto "Bona"

l.b.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore