/ Newsbiella Young

Che tempo fa

Cerca nel web

Newsbiella Young | 14 dicembre 2018, 18:55

Tragedia alla "Lanterna Azzura", impariamo da quanto successo

Sara Ibba legge i tragici fatti avvenuti nella discoteca di Ancona

Funerale di una vittima della tragedia (foto Ansa)

Funerale di una vittima della tragedia (foto Ansa)

7 dicembre  2018. “Lanterna  Azzurra”, in provincia di Ancona. Sei persone sono morte e oltre cinquanta sono rimaste ferite a causa della calca e dell’utilizzo di uno spray urticante al concerto del rapper Sfera Ebbasta: "La gente si lanciava nel vuoto, ho visto corpi ammassati mentre i soccorritori provavano a rianimare le persone a terra: sembrava di stare in guerra".

Non sono mancate polemiche e discussioni sulla sicurezza del locale che, quella sera, ospitava più persone del dovuto ed  è stato inevitabile il fatto di far cadere la colpa sul cantante Sfera Ebbasta, utilizzandolo come capro espiatorio ingiustamente.

Riconosco  come  la pochezza dei suoi testi e il suo modo di relazionarsi abbiano potuto portare la maggioranza del pubblico ad attaccarlo in un momento così delicato ma, per me, la colpa non è da addossare su di lui ma su tutta l’organizzazione che c’è dietro queste serate: da chi vende i biglietti… a chi si occupa della sicurezza.

Molti hanno anche difeso il ragazzino 17enne per aver spruzzato lo spray urticante dicendo che fosse incitato dai modi di vivere ribelli del cantante e da alcuni messaggi violenti che trasmettono le sue canzoni: la trovo una cosa altamente ipocrita. Quel ragazzo ha scelto da solo di seguire il male e se fosse successa la stessa cosa ad un concerto dei Queen non avrebbero di certo dato la colpa a Freddie Mercury.

Si è perso di vista il vero obiettivo comune… abbiamo perso delle giovani vite e, al posto di accanirci solo su di una persona, dovremmo capirne di più e fare in modo che non accada nuovamente.

Sara Ibba

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore