/ Newsbiella Young

Che tempo fa

Cerca nel web

Newsbiella Young | 07 dicembre 2018, 10:09

Ferite a morte all’Opificiodellarte, uno spettacolo contro la violenza sulle donne

Ferite a morte all’Opificiodellarte, uno spettacolo contro la violenza sulle donne

Nella mattinata di venerdì 30 novembre alcune classi quinte degli istituti biellesi hanno avuto la possibilità di assistere allo spettacolo teatrale avente come tema principale la delicata questione della violenza sulle donne, messo in scena presso il centro culturale Opificiodellarte. La rappresentazione ha visto all’opera otto ragazze e un ragazzo, ciascuno dei quali ha recitato con grande passione e sentimento un monologo tratto dal libro di Serena Dandini Ferite a morte.

I giovani attori hanno iniziato a preparare lo spettacolo circa un anno fa, dallo scorso novembre, sotto la guida del loro insegnante Massimo Ozino e con la regia di Noemi Iuvarra, che hanno voluto offrire loro l’opportunità di interpretare un testo d’autore. Tra le tante proposte gli studenti hanno scelto proprio questa: la prima rappresentazione è andata in scena lo scorso maggio, riscuotendo un tale successo da convincerli a riproporla una seconda volta proprio in occasione del 25 novembre, “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”.

Terminato lo spettacolo, al fine di sensibilizzare il pubblico, è seguito un intervento da parte di due rappresentanti del “Centro antiviolenza di Biella”, luogo di accoglienza per donne vittime di maltrattamenti. Per l’occasione hanno svolto opera di informazione, chiarito alcuni dubbi e risposto alle domande dei ragazzi presenti nella platea; inoltre, hanno portato esempi di donne che tutti gli anni si rivolgono all’organizzazione “Non sei sola” in cerca d’aiuto e di un po’ di sollievo dalla loro condizione di dolore. I ragazzi hanno trovato molto significativi sia l’interpretazione dei loro coetanei sia l’intervento delle esperte, dimostrando una attiva partecipazione e, di conseguenza, il riscontro positivo dell’esperienza.

Vittoria Quaregna, V D LSSA

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore