/ SPORT

Che tempo fa

Cerca nel web

SPORT | giovedì 06 dicembre 2018, 12:20

La Biellese, ecco le parole del nuovo arrivato Mattia Bastianelli

La Biellese, ecco le parole del nuovo arrivato Mattia Bastianelli

Esordio positivo per il nuovo arrivato Mattia Bastianelli che ha vestito per la prima volta il bianconero nella vittoriosa sfida esterna con l'Aygreville. Dopo aver mosso i primi passi nell'Alto Canavese, arriva la chiamata del Torino nel quale milita fino al primo anno dei Giovanissimi.Il portiere classe 96' dopo aver vestito la maglia dell'Ivrea per una stagione accetta una nuova avventura, questa volta con la Pro Vercelli. 

Quattro stagioni con le casacche bianche vercellesi fino alla fine del 2012.Per Bastianelli arriva il momento della prima esperienza nel calcio dei "grandi" con il Santhià prima e con il Bellinzago dopo, sotto l'ala di mister Koetting aggiudicandosi anche il titolo nel campionato di Eccellenza.Da qui tante squadre tra Eccellenza e Serie D per il numero uno bianconero: Ivrea, Chieri, Borgosesia, Juventus Domo e PdHa.

Queste le prime parole del classe '96: "Voglio confermare quanto fatto in passato. Mi aspetto tanto da questa stagione. Sono a Biella per fare bene. Questa piazza è molto ambita e oggi far parte di questo progetto mi onora. Qui ho trovato un bel gruppo, unito e con tanta voglia di riscatto dopo un inizio di stagione inaspettato. Questa squadra ha a mio avviso delle grosse potenzialità, ci sono giocatori che per la categoria sono di alto livello. Ci sono tutti i presupposti per fare bene”.

"Sono una tipologia di portiere che parla molto con la squadra – analizza Bastianelli - in campo cerco di dare sempre un'alternativa alla difesa nel giro palla. Fuori dal campo sono una persona molto meticolosa, attento ai particolari e questa caratteristica mi ha sempre aiutato a migliorare anche sul rettangolo di gioco".

"Mi aspetto tanto da questa stagione – conclude - Questa è una squadra che può lottare per le posizioni nobili di classifica e quindi cercherò di fare del mio meglio per dare una mano alla causa. Dobbiamo cercare di dare continuità alle nostre prove, attraverso ai risultati e alle vittorie".

Redazione g. c.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore