/ CRONACA

Che tempo fa

Cerca nel web

CRONACA | mercoledì 05 dicembre 2018, 19:14

"Mai più morti sul lavoro", sit-in davanti al Tribunale per Rosetta. Udienza rinviata

"Mai più morti sul lavoro", sit-in davanti al Tribunale per Rosetta. Udienza rinviata

L’udienza preliminare prevista per oggi sul caso del sindacalista e operaio Franco Rosetta, morto lo scorso 2016 in un incidente sul lavoro alla Sasil di Brusnengo, è stata rinviata al 19 febbraio 2019. “Verrà valutata la costituzione di parte civile dell’Anmil” spiega Lucetta Bellomo, segretaria di Rifondazione Comunista che insieme ai rappresentanti di Potere al Popolo, Legambiente, PMLI Biella e laboratorio sociale “La città di sotto”, ha partecipato questa mattina al sit-in di fronte al Tribunale di via Repubblica. Presente alla manifestazione anche la moglie di Rosetta, Liliana.

Franco Rosetta morì il 20 ottobre 2016 alla Sasil di Brusnengo, a causa delle esalazioni letali di acido solfidrico che si erano liberate da una vasca di decantazione della linea di riciclo del vetro. Ventitré tra soccorritori e colleghi accorsi furono ricoverati in osservazione al Pronto Soccorso.

“Siamo qui - dice Bellomo - perché troppe volte nel Biellese c’è stato l’oblio. Siamo qui per dire che non vogliamo dimenticare e desideriamo sapere chi è responsabile, oltre alla ditta, dei controlli che non sono stati fatti, delle autorizzazioni date dalla Provincia, delle verifiche di Asl, Arpa, dell’ispettorato del lavoro e delle diverse istituzioni. Vogliamo sapere: la vasca di decantazione poteva essere bonificata? Perché non è stato fatto? Questo è il caso di Franco Rosetta ma più in generale vogliamo dire che non ci devono più essere morti sul lavoro”.

bi.me.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore