Elezioni Comune di Biella

 / Food e Drink

Che tempo fa

Cerca nel web

Food e Drink | 09 novembre 2018, 08:00

A "Vini d'Autore" gli assaggiatori di ONAV ed i ragazzi del Ristorante Malvarosa FOTOGALLERY e VIDEO

A "Vini d'Autore" gli assaggiatori di ONAV ed i ragazzi del Ristorante Malvarosa FOTOGALLERY e VIDEO

Bramaterra, Lessona, Coste della Sesia, Erbaluce sono i prodotti di eccellenza che sono stati presentati e degustati alla prima edizione di ''Vini d'Autore“ lo scorso week end al Centro Commerciale Gli Orsi.

Oltre ai produttori ed ai sommelier, alla rassegna erano presenti anche gli assaggiatori di vino, rappresentati dall'Organizzazione Nazionale Assaggiatori Vino: ''L'ONAV è nata nei primi anni del '900 ad Asti con lo scopo di promuovere la cultura del vino attraverso l'assaggio. - racconta il Delegato Provinciale di Biella Corrado Masserano – Una volta il vino era considerano un alimento, una bevanda, oggi è un piacere di cui bisogna conoscere gusto e profumo. A questo scopo, noi organizziamo corsi per assaggiatori, strutturati in 15 lezioni, in cui si impara la storia della viticoltura dalla vite al bicchiere, all'interno del quale bisogna poi riconoscere la tipologia di vino.

Gli assaggiatori che hanno superato il corso possono fare parte delle commissioni di degustazione, presenti presso le Camere di Commercio, che attribuiscono la Denominazione Origine Controllata“.

In qualità di addetto ai lavori, Corrado Masserano conferma l'importanza del vino nel Biellese: ''Oggi il Biellese, da Viverone a Lessona, sconfinando fino a Gattinara, è un territorio con 6-7 prodotti DOC, che, come tutti i vini dell'alto Piemonte, stanno riscuotendo un enorme successo. I produttori sono aumentati ed i vini biellesi si stanno facendo conoscere a livello sia nazionale che internazionale“.

Un'altra eccellenza biellese è l'Enoteca Regionale del Biellese e della Serra, oggi con sede a Lessona, dove, grazie alla collaborazione con il vicino ristorante Malvarosa, il vino sta svolgendo un ruolo sociale: ''Al Malvarosa, ed all'annessa enoteca, abbiamo inserito ragazzi con difficoltà intellettive, che operano in cucina, sala ed enoteca. - spiega la responsabile del progetto - In occasione di degustazioni e presentazioni di vini, questi ragazzi servono il vino, e, nonostante la fatica dovuta al fatto che l'enoteca è al piano superiore, si impegnano molto e imparano tanto. Speriamo di migliorare e di coinvolgere altri ragazzi, per averne sempre di più e dare il cambio a quelli di oggi“.

Alessandro Bozzonetti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore