/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | venerdì 14 settembre 2018, 07:00

Riapertura Sordevolo-Pollone, Ramella Pralungo: "Tempi record per qualsiasi ente pubblico"

Il Presidente Emanuele Ramella Pralungo - Foto di repertorio

Sul proprio profilo Facebook, Emanuele Ramella Pralungo si è congratulato con tutti coloro che hanno permesso la riapertura in tempi brevi della Strada Provinciale 502 Sordevolo-Pollone: "Pochi giorni fa, dopo poco più di 3 mesi (fra i quali agosto) di chiusura a seguito del collasso del 20 maggio, la strada è stata riaperta a senso unico alternato. In poco più di 3 mesi sono stati trovati i soldi, è stata progettata, appaltata, affidata e realizzata. Può piacere oppure no, ma qui parliamo di tempi record per qualsiasi ente pubblico tanto più se pensiamo che, prima della nostra gestione, la Provincia non aveva neppure i soldi per riscaldare le scuole o sgombrare la neve, e ciò accadeva neppure 4 anni fa'. In un paese dove un’opera pubblica, in media impiega anni solo per essere progettata, qui in 3 mesi e stata realizzata e, quindi, ritengo, che vadano fatti i complimenti agli uffici, agli ingegneri e alla ditta che sta realizzando l’intervento".

Il Presidente Ramella Pralungo continua aggiornando sullo stato dei lavori: "Naturalmente la ditta sta continuando a lavorare anche nella parte di valle per riaprire la circolazione in tutte e due i sensi di marcia.Naturalmente ci sarà chi dirà è si ma perché e crollata? Rispondiamo anche a questo dicendo che nulla c’entra la manutenzione ma semplicemente la strada quando fu ampliata (e parliamo di decine e decine di anni fa') venne realizzata su una fontana sotterranea che venne canalizzata e poi abbandonata. Nessuno sapeva dell'esistenza dei tubi sotto la strada che hanno ceduto e la forza dell'acqua si è portata via la strada che non posava su nessun piede solido ma su semplice terra di riporto".


Alessandro Bozzonetti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore