/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | giovedì 13 settembre 2018, 16:52

Suona la campanella per la nuova scuola di Pettinengo FOTOGALLERY

Foto di G. Caon

Taglio del nastro a Pettinengo. Nella mattinata di lunedì 10 settembre sono stati inaugurati i nuovi locali del plesso scolastico del paese: all’evento erano presenti 120 alunni (tra scuole materne, elementari e medie), riuniti nel cortile della scuola per porgere ufficialmente i loro saluti alla nuova struttura, finalmente ristrutturata. Con loro il sindaco e gli assessori di Pettinengo, il parroco don Ferdinando Gallu (che ha impartito la santa benedizione sui locali), il proto sindaco di Selve Marcone Maurizio Delsignore, la preside Patrizia De Fabiani, amministratori locali dei paesi limitrofi (tra cui il sindaco di Bioglio e docente Stefano Ceffa), insegnanti, famiglie e semplici cittadini.

“Finalmente, dopo sette anni, siamo riusciti a riunire in un unico edificio gli allievi delle scuole elementari e medie – ha spiegato visibilmente commosso il primo cittadino Ermanno Masserano -  L’iter è stato molto lungo. Il 2018 verrà sicuramente ricordato per l’inaugurazione di questa scuola, importantissima per questo paese e per tutti i comuni limitrofi. Il nostro primo pensiero è rivolto ai ragazzi e alle nuove generazioni. Ora si potrà usufruire di una struttura all’avanguardia. La scuola è fondamentale per la formazione culturale ed umana dei ragazzi”.

Citando Leopardi e Dante, il presidente Cissabo Ceffa si è rivolto agli alunni e ha sottolineato l’importanza della scuola nella formazione e nel percorso educativo di ogni singolo allievo. “Dopo anni di leggera discesa, abbiamo visto che la scuola ha avuto più iscritti rispetto al passato – afferma l’assessore Fiorenzo Ghiardo -  Si tratta di un caso unico. Il 40 per cento dei nostri studenti iscritti provengono dai paesi confinanti con Pettinengo: Bioglio, Callabiana, Camandona, Vallanzengo e Valle San Nicolao. Siamo soddisfatti: significa che questo istituto è appetibile, prestigioso e molto apprezzato”.

g. c.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore