/ COSTUME E SOCIETÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

COSTUME E SOCIETÀ | mercoledì 08 agosto 2018, 12:11

Tra divertimento e beneficenza, Erik Comas si sposa con la biellese Raffaella Serra

Circa un mese prima delle nozze vere, celebrate nel castello di Aigle in Svizzera lo scorso 14 luglio, l’ ex pilota di Formula 1 Erik Comas e la biellese Raffaella Serra hanno girato un film  a bordo della Lancia Stratos simulando un rocambolesco matrimonio che ha divertito più di 200.000 utenti della rete . Il pilota svizzero ha infatti voluto inventare una breve e divertente trama per celebrare la regina dei Rally, la Lancia Stratos , grazie alla quale capitó a Biella nel 2014 e conobbe Raffaella, ora Signora Comas.

Il video, che ha spopolato su Facebook, Instagram è ora disponibile su YouTube con il titolo “STRATOSFERIK WEDDING” (https://www.youtube.com/watch?v=K9aCmtHgEmw )  e lo si deve al regista Alessandro Zorio, biellese e film maker di professione. Ma un encomio va rivolto anche alla genialità di Andrea Chiavenuto, preparatore di Mongrando che ha portato Comas al titolo Europeo Rally Auto Storiche lo scorso anno, il quale ha realizzato ed applicato un gancio traino alla Stratos senza intaccarne il prezioso telaio al fine di realizzare la scena più comica: Erik e Raffaella, in piena prova speciale del Lana Storico, effettuano un sorpassano con una roulotte (rigorosamente anni ‘70 fornita dal rallysta Marco Bertinotti) agganciata alla bête à gagner.

«Doverosi e sentiti i ringraziamenti all’ amico Gabriele Bodo, a Mauro Bocchio, a BMT Eventi, all’ associazione cronometristi biellesi per averci aiutati tecnicamente e logisticamente a realizzare questo film che, girato per scherzo, ha fatto un boom di visualizzazioni.” Commentano i novelli sposi. Ma, tornando alla realtà, anche la beneficenza ha avuto la sua parte in questo matrimonio da favola. I coniugi Comas hanno infatti rinunciato ai regali di nozze chiedendo ai loro invitati di effettuare una donazione al Comune di Amatrice. “I terremotati in questo Paese sono i veri dimenticati. Nel nostro piccolo speriamo di avere contribuito a fare stare meglio qualcuno”.  

c. s. g. c.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore