/ Animalerie

Che tempo fa

Cerca nel web

Animalerie | mercoledì 08 agosto 2018, 15:26

L'estate dei cuccioli abbandonati

Da alcuni anni pare che il problema degli abbandoni dei cani su strade ed autostrade sia di fatto diventato un argomento di basso profilo. Come accade spesso in Italia, passata la moda, il problema viene posto nel dimenticatoio ma, purtroppo, gli abbandoni continuano e ogni estate sono oltre centomila i cani ed i gatti che vengono abbandonati per strada o ancora peggio gettati nei cassonetti ancora cuccioli.

Con l'avvento del microchip sono cambiate le le modalità dell'abbandono; se prima si abbandonavano in maggioranza cani adulti ora si abbandonano intere cucciolate, ed in questi giorni sono centinaia di cuccioli di cane che stanno entrando nei 120 canili monitorati da AIDAA. In particolare il problema è diffuso in Lazio, Sicilia (dove le volontarie si trovano addirittura cucciolate abbandonate nei cartoni davanti alla porta di casa) e Puglia.

Abbandonare gli animali è un reato molto grave e ben ce lo ricorda l'avvocato Maria Rita Mondello: "Abbandonare gli animali, oltre ad essere un gesto meschino ed increscioso, costruisce reato. Ed infatti, l’art. 727 de Codice penale, punisce l’abbandono di animali domestici o che abbiano acquisto abitudini della cattivita’, con l'arresto fino ad un anno o con l'ammenda da 1.000 a 10.000 euro. E’ importante sapere che, la mancata denuncia di smarrimento può essere considerata abbandono. 

Attenzione - continua l'avvocato Mondello - qualora l’animale abbandonato dovesse mordere qualcuno o causare un incidente, provocando delle lesioni o la morte, il proprietario dell’animale si renderebbe responsabile dei reati di lesioni colpose o omicidio colposo. Il proprietario dovrà anche risarcire i danni provocati dall’animale".

Gli fa eco il presidente nazionale di AIDAA Lorenzo Croce secondo il quale saranno anche quest'anno oltre centomila i cani e gatti abbandonati : "I canili e gattili sono al collasso e specialmente in centro e sud Italia se non si inizia un serio piano di sterilizzazione di massa non se ne esce e ogni anno siamo qui a ripeterci le stesse cose con i soliti catastrofici problemi dei canili e aumento dei randagi liberi che in Italia sono gia oltre 700.000"

c.s. AIDAA - cdc

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore