/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | sabato 28 luglio 2018, 07:20

Popilia Japonica, anche nel Biellese scatta l'allarme

La Popillia Japonica, coleottero originiario del Giappone, è un insetto alieno rinvenuto per la prima volta nel 2014 nel parco del Ticino (tra la Lombardia e il Piemonte), dove l’assenza di predatori naturali ne ha favorito la proliferazione. Quest'anno l’allarme si è esteso anche nel Biellese, dove questo insetto rischia di provocare gravi danni all’agricoltura, nei prati e nei tappeti erbosi.

I servizi fitosanitari di Regione Lombardia e Piemonte si sono attivati per monitorare e contenere la diffusione dell’insetto. Nel 2017, il Ministero per le Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha predisposto un D.M. “Misure d’emergenza per impedire la diffusione di Popilia Japonica Newman nel territorio della Repubblica italiana”, per aggiornare le misure obbligatorie di intervento, approvato ad ottobre 2017 e aggiornato nel gennaio 2018 dal Comitato Fitosanitario Nazionale.

La difficoltà nel gestire il contenimento della diffusione di questo insetto con mezzi chimici convenzionali e il crescente numero di coleotteri adulti rilevati in Lombardia e Piemonte ha reso necessaria la ricerca di nuove soluzioni. Per questo CREA di Firenze - organismo tecnico-scientifico del Ministero dell’Agricoltura responsabile di studio e sviluppo di misure di contenimento dei patogeni alieni - e Servizi Fitosanitari Regionali di Lombardia e Piemonte hanno individuato come partner ideale la Divisione Crop Protection di BASF, grazie al suo approccio innovativo, alle competenze sviluppate nel settore della protezione delle colture e al know how nell’ambito forestale.

La sinergia di competenze tra tutti i soggetti coinvolti ha portato alla scelta di TRINET di BASF: un sistema composto da una rete di polietilene, impregnata di insetticida e montata su un treppiede. Per far fronte alla specifica esigenza italiana, questa soluzione sostenibile è stata ulteriormente ottimizzata, abbinandola ad un feromone specifico e ad un attrattvo floreale, per attrarre gli adulti di Popillia. Come insetticida, è stata selezionata l’α-cipermetrina, una molecola già ampiamente usata in agricoltura e nel settore civile.

Redazione G.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore