/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | mercoledì 13 giugno 2018, 16:24

Marampon in consiglio comunale: "Seab pronta a nuove sfide"

Foto di repertorio

Foto di repertorio

 

Modernizzare l'azienda e renderla sana per affrontare le prossime sfide. Il presidente di Seab, Claudio Marampon, ha spiegato di fronte al consiglio comunale di Biella la strategia che la società di raccolta dei rifiuti intende perseguire nei prossimi mesi. Un'audizione in cui sono stati ricordati l'aumento della differenziata, la discesa dell'indebitamento, il conferimento dei rifiuti di tutto il territorio novarese nel polo di Cavaglià vista la chiusura dell'impianto di Barengo (dal 1 luglio) e il possibile affidamento, tramite gara, della raccolta dei 12 Comuni della Valle di Mosso il cui contratto con un gestore privato scadrà il 31 ottobre. Restano difficoltà sulla bollettazione e sugli insoluti. Nel primo caso è stato studiato un nuovo sistema che serve a "calibrare" meglio le situazioni più difficili. Nel secondo resta un cospicuo numero di imposte irrisolte relative alle annualità 2004-2010 riguardanti Biella, Cossato, Vigliano e Candelo. "Più ci allontaniamo nei tempi di riscossione - ha affermato Marampon - ci sono meno opportunità di portare a casa un risultato positivo". 

 

LA SODDISFAZIONE DEL PD - Il gruppo ha espresso un'opinione positiva sull'operato della società. "Sulla base di precise scelte dell'amministrazione comunale di Biella, che ne è socio di maggioranza relativa, la società ha adottato procedure di maggiore trasparenza rispetto al passato per tutte le sue spese e per i suoi acquisti, adottando bandi e gare secondo la normativa che si impone agli enti pubblici - ha spiegato Paolo Furia - certo, nella bollettazione sono sempre possibili dei disagi a causa di ritardi delle poste o della difficile lettura della bolletta, ma è importante notare che nel complesso si assiste a una riduzione del costo della bolletta per il cittadino. Poiché questa riduzione non si è verificata nello stesso modo per i condomini con molte utenze, dove non si applica una tariffa puntuale famiglia per famiglia (per motivi logistici e di costi di investimento), l'impegno che Seab si assume è di adottare le tecnologia più economica e più efficace possibile per rendere davvero preciso anche il calcolo della pesatura dei rifiuti utenza per utenza. Per parte nostra, come gruppo Pd, abbiamo chiesto piccole cose ma fondamentali per le persone: in particolare, grazie alle segnalazioni giunte alla commissione barriere gestita da Claudia D'Angelo, di trovare soluzioni per evitare l'esposizione dei cassonetti, sul marciapiede. Occorre infatti fare in modo che le persone ipovedenti o in carrozzina si muovano liberamente".

l.l.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore