/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | mercoledì 16 maggio 2018, 08:51

Pray: Chiesa di Sant'Ambrogio a Flecchia ha un nuovo tetto FOTOGALLERY

Foto di Mauro Benedetti

Foto di Mauro Benedetti

In una lettera di ringraziamento del 26 aprile scorso, Don Alberto Albertazzi, parroco di Flecchia, comunicava la conclusione dei lavori di rifacimento del tetto di Sant'Ambrogio, la chiesa posta in cima alla collina di Flecchia, invitando chi aveva contribuito tecnicamente e finanziariamente all'inaugurazione ufficiale. L'occasione è stata sabato 12 maggio, in occasione della visita pastorale del Vescovo di Vercelli, Marco Arnolfo. Sua Eminenza, nel benedire il nuovo tetto, ha invocato uno dei promotori dell'opera: "L'altura su cui è posta questa chiesa richiama la salita più grande a Dio, dove è già arrivato Don Guido Galfione, grande sacerdote, artista, e poeta, che dal cielo si sta compiacendo".

Dal punto di vista tecnico, la chiesa ha un nuovo tetto, che è stato un lavoro di restauro conservativo di un bene monumentale. L'ingegnere Donald Agliaudi, progettista e direttore dei lavori insieme all'architetto Silvia Banfo, ne spiega l'iter: "Il progetto è stato approvato dalla curia, la quale ha provveduto ad inviarlo alla sovrintendenza dei beni architettonici per l'autorizzazione. Con una spesa complessiva di 81mila euro, abbiamo realizzato un intervento necessario perché, in caso di abbondanti nevicate, ci sarebbe stato un crollo della copertura". Mentre, dal punto di vista artistico, la parrocchia si è arricchita con un quadro del pittore biellese Flavio Ferrari, che ritrae la Madonna Nera d'Oropa.

Arianna Spruzzola, appassionata d'arte di Flecchia, ha illustrato il dipinto: "Questo quadro, posato in chiesa da un settimana, è un regalo del canonico Don Attilio Basla, che l'aveva ricevuto in dono da Don Saino, ex rettore di Oropa. Don Saino aveva commissionato questo dipinto, chiedendo di raffigurare la Madonna nel momento della nascita di Gesù. In particolare, di raffigurare una moneta nella mano destra della Madonna, che rappresenta l'offerta della donna ed il riscatto del figlio davanti al tempio dopo 40 giorni dal parto. A discapito di altre immagini, quali la mela nella mano destra, ossia il peccato originale, oppure la croce che sovrasta la mela, ossia la redenzione degli uomini". Presso la chiesa di Sant'Ambogio c'è un oratorio che ha sempre rappresentato un luogo di aggregazione per i giovani della zona.

Uno dei ragazzi cresciuti all'ombra del campanile di Flecchia è il Sindaco di Pray, Gian Matteo Passuello, il quale, nel tornare ai tempi dell'oratorio, ha ricordato un sacerdote storico di questa parrocchia: "Don Ernestino Galli, con il battistero e la ristrutturazione dell'oratorio, ha voluto conservare sempre bella e viva questa chiesa. Il nuovo tetto è stato necessario come intervento strutturale ed estetico, e fondamentale come mantenimento del bene. Le nostre amministrazioni e comunità devono mantenere il bene pubblico nel tempo per avere tempo di fare altre opere, al fine di tenere vivi i paesi ed amare i territori".  

Alessandro Bozzonetti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore