/ ATTUALITÀ

Che tempo fa

Cerca nel web

ATTUALITÀ | mercoledì 18 aprile 2018, 07:00

Rifiuti sulle strade provinciali, la pulizia passa dall'accordo Seab-Cosrab

Il Presidente Claudio Marampon: "Occorre un segno di civiltà contro l'abbandono"

Negli ultimi tempi il territorio biellese ha conosciuto lo sgradevole fenomeno dell'abbandono dei rifiuti lungo le strade.

Le istituzioni, come la Provincia di Biella, i Comuni di Biella e Cossato, e gli addetti ai lavori Cosrab e Seab, hanno preso atto del problema in un incontro tenutosi mercoledì 11 aprile presso l'ente provinciale. "In questa riunione - racconta il Presidente di Seab Claudio Marampon - abbiamo stabilito come intervenire sull'abbandono dei rifiuti, in particolare degli ingombranti, lungo le strade provinciali. Si tratta di lavori che stiamo già facendo, e che riguardano le piazzole. Come quelle presenti sulla superstrada prima di San Giacomo di Masserano, sulla variante di Mottalciata in direzione Carisio, e sulla Cossato-Valle Mosso, dove spesso si trovano divani". Una situazione che, secondo Marampon, è dovuta a mancanza di informazione da parte della cittadinanza: "E' bene ricordare che, negli ecocentri del Biellese, che si trovano in Via Candelo a Biella, Cerrione, Pray, Cossato, Trivero, si possono portare gli ingombranti senza pagare nulla. Inoltre, nei comuni della valle di Mosso, è possibile concordare il ritiro gratuito degli ingombranti, comunicando di lasciarli a ridosso dei cassonetti senza indicare nominativi: rifiuti che vengono caricati in un determinato giorno".

L'incontro ha avuto esito positivo: "Nelle prossime settimane concluderemo un accordo con Cosrab per la manutenzione periodica e continuativa delle strade provinciali - precisa Marampon - Seab svolge questa attività e, come suo Presidente, dico che interverremo per sistemare questa situazione di grande inciviltà". "Personalmente - conclude Marampon - penso che Cosrab, come autorità di bacino incaricata a dettare una politica sui rifiuti, e gli enti comunali, debbano collaborare per divulgare il messaggio che lo smaltimento degli ingombranti è gratuito, e per vigilare sulla pulizia dei propri paesi. In modo da responsabilizzare il comportamento dei cittadini sui rifiuti, e restituire decoro ed immagine, anche dal punto di vita turistico, al territorio biellese".

Alessandro Bozzonetti

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore