/ CULTURA E SPETTACOLI

Che tempo fa

Cerca nel web

CULTURA E SPETTACOLI | giovedì 07 dicembre 2017, 09:59

Ferdinando Crini tra i primi al "Premio Internazionale Salvatore Quasimodo"

         L’edizione di quest’anno del “Premio Internazionale Salvatore Quasimodo”, che interessa vari settori: poesia,narrativa, saggistica musica e teatro,   vede fra i premiati del settore teatro, il lavoro di Ferdinando Crini “L’invetriata”. Presidente della giuria è l’attore e regista Alessandro

Quasimodo, figlio del Nobel Quasimodo,  ed è un concorso cresciuto d’importanza e prestigio negli anni sia per il numero di partecipanti che per la qualità dei lavori presentati. I testi più rappresentativi saranno poi pubblicati in un volume antologico che rimarrà negli annali del concorso.

Ancora una volta le doti creative del medico-drammaturgo, recentemente scomparso, hanno ricevuto un nuovo riconoscimento che si aggiunge ai vari precedenti; sarà ora la moglie Daniela a recarsi a Roma il 17 dicembre per ricevere l’ambito premio accompagnata dall’affetto dei numerosi estimatori per l’intenso  lavoro teatrale e culturale realizzato da Ferdinando nel corso degli anni. 

“L’invetriata”, nato dapprima come racconto breve è stato poi elaborato in chiave teatrale poche mesi prima dell’acuirsi del male di Ferdinando: opera impegnativa e densa di suspense, ove due scrittori-sceneggiatori, marito e moglie, che nell’ideare il copione per un  lavoro televisivo, vedono riaffiorare risentimenti, amore, affinità, drammi personali che segnano la loro esistenza perché “ci si porta addosso la propria invetriata” .

Il lavoro, avvincente e ricco di sorprese, verrà a breve portato al pubblico presso il Teatro Felix di Tollegno dai due attori: Silvana Giovannini e  Francesco Logoteta per la regia di Maria Reiteri e ancora una volta la genialità creativa di Crini non mancherà di sorprenderci.

c.s. Pier Franco Ubertino - c.c.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore