/ POLITICA

Che tempo fa

Cerca nel web

POLITICA | venerdì 17 novembre 2017, 12:20

Moscarola: "Accordo vigili Biella-Gaglianico, che fine hanno fatto i servizi congiunti?"

L'accordo tra Biella e Gaglianico sui vigili urbani e il regolamento comunale da modificare sono al centro di due interrogazioni firmate Giacomo Moscarola, consigliere comunale di Lega Nord.

"In data 4 agosto 2017 il Sindaco di Biella e il Sindaco di Gaglianico hanno siglato la proroga della convenzione per i servizi di polizia municipale che scadeva il 31 luglio - scrive Moscarola - l’Assessore La Malfa commentando la proroga della convenzione affermava che tale convenzione aveva fatto ottenere “esiti positivi sotto i profili dell'efficienza, dell'efficacia e dell'economicità”. Alla data della proroga ad oggi, allo scrivente non risulta che si siano effettuati servizi in convenzione. In fase di presentazione di tale convenzione il Sindaco di Biella ed il Sindaco di Gaglianico avevano parlato di un importante passo avanti verso la cosiddetta “grande Biella”, e l’assessore La Malfa aveva dichiarato che questa convenzione poteva portare a molteplici vantaggi per il Comune di Biella ed in particolare per la migliore gestione del comando vigili". 

Ora Moscarola vuole sapere "se le informazioni in possesso dello scrivente riguardo al mancato utilizzo dei servizi congiunti corrispondano al vero, se, in caso positivo, il motivo per cui tale servizi non si svolgano da mesi nonostante la proroga della convenzione e se, dato il nullo utilizzo della convenzione, la stessa verrà ulteriormente prorogata o verrà definitivamente chiusa alla scadenza".

 

Sulle modifiche del regolamento, Moscarola ricorda che il consiglio comunale ha votato all’unanimità la mozione presentata da Lega Nord con la quale veniva richiesta la revisione del regolamento di polizia municipale in quanto datato 1936 e firmato dal Podestà. 

"Durante il Consiglio Comunale e nei giorni successivi sugli organi di informazione, l’assessore La Malfa dichiarava che tale regolamento non si sarebbe potuto modificare nell’anno corrente 2016 ma sarebbe stato modificato nell’anno 2017 - sottolinea l'esponente leghista - mentre la bozza di regolamento proposta da Lega Nord avrebbe posto un freno all’accattonaggio dilagante e molti altri problemi di sicurezza e decoro urbano". A questo punto Moscarola vuole sapere se il regolamento verrà modificato entro fine anno e se, in caso contrario, quali sono le motivazioni per cui dopo una mozione approvata all’unanimità, in oltre un anno e mezzo non si sia riusciti ad attuare le modifiche richieste: "Vorrei sapere se questa amministrazione considera come carta straccia le mozioni votate dal consiglio".

l.l.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore