Elezioni Comune di Biella

 / Biella motori

Che tempo fa

Cerca nel web

Biella motori | 24 luglio 2017, 08:00

Da Biella a Pachino: l’incredibile viaggio di sei giorni del Crazy Italian Rally

Da Biella a Pachino: l’incredibile viaggio di sei giorni del Crazy Italian Rally

Profonda passione per l’avventura, la condivisione del viaggio e l’amore delle due ruote col Piaggio Ciao pronto all’uso lungo l’intera penisola italiana. Queste le motivazioni di Crazy Italian Rally, evento biellese organizzato dalla Brados Asdc, un’associazione sportiva fondata dai fratelli Castagno – Andrea e Luca – giunta alla quarta edizione. Principale obiettivo raggiungere Pachino in 6 giorni e mezzo, partendo da Biella e passando attraverso grandi città come Roma.  

“L’idea nasce da mio fratello Luca – confida a Newsbiella Andrea Castagno – perché aveva preso parte al Mongol Rally che prevedeva un lungo viaggio in panda da Londra fino alle terre della Mongolia. Tornato da questo viaggio abbiamo organizzato un evento simile, avventuroso, in formato più piccolo e italiano. A noi si sono poi aggiunte altre persone di Biella e nel 2014 abbiamo fatto un piccola edizione tra di noi. Dopodiché, nel 2015, ci hanno chiesto di ripetere tale iniziativa perché altre persone volevano partecipare e unirsi a noi. In quell’edizione eravamo sia organizzatori che partecipanti. Dal 2016, invece, abbiamo rivestito soltanto il ruolo di organizzatori perché l’impegno era notevole”.

Col passare del tempo il cambio di marcia apporta notevoli benefici: a fronte di 23 partecipanti nel 2016, per quest’anno risultano 50 i nuovi aderenti. Un aumento “dovuto al passaparola e al successo della nostra pagina Facebook – prosegue Andrea Castagno – Non va’ inoltre dimenticato il gusto della sfida:  viaggiare da Biella a Pachino (uno dei comuni più a sud dell’Italia ndr) a bordo di cinquantini con soli 6 giorni e mezzo a disposizione. Si tratta, infatti, di una grande impresa perché il mezzo è precario e non sono esclusi imprevisti; inoltre, il tempo a disposizione è scarso per cui si dovrà viaggiare di notte e aiutarsi a vicenda”.
L’età media verterà sui 35 – 45 anni, con punte di over 50 anche se non mancheranno giovani sui 20, 25 anni.  “Questa avventura non spaventa nessuno – spiega Castagno - tutti sono motivati poiché tutte e quattro le volte siamo giunti fino a destinazione sebbene nelle precedenti edizioni si è viaggiato con maggior tempo a disposizione. L’evento è sicuramente individuale. Occorrerà essere organizzati e pianificare un tragitto opportuno fino a Pachino decidendo se viaggiare da soli o insieme ad altri. Non bisogna dimenticare che sono presenti anche gruppi di amici a cui importa viaggiare in compagnia pregustando le bellezze del nostro paese e la strada, compagna di ogni viaggiatore”.

Ma cosa rimane nel cuore della passate edizioni?” La maggior parte dei partecipanti non si conosce tra loro ma dopo giorni vissuti insieme sembrano compagni da una vita. Questo evento vuole essere un’opportunità per creare affiatamento e condividere passioni reciproche”. Appuntamento quindi al Circolo San Grato di Sordevolo sabato 29 luglio dove si potrà prendere parte ad una cena di congedo mentre l’indomani, alle prime luci dell’alba, avverrà la partenza della comitiva con destinazione finale Pachino.  

g. c.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore